Eppur si muove


di Paolo Veronese


Eppur si muove il mondo, eppur si muove negli occhi dove il sonno ancor perdura come ubriaco senso, e sento – dove? il lavorio che forma ogni creatura.

Sotto le foglie fredde fanno alcove formicolii di tutta la natura ed erbe e insetti e semi e ali smuove l’anima mundi, e ogni destino cura.

Oltre il sonno, oltre la notte e il gelo, sei tu, Signore, che crei ogni mattino, sollevi il manto dell’oscura prova

che credevamo fine e oblio; e il velo della cecità assolvi e il canto fino del Tuo creato suona ad alba nuova.


7 visualizzazioni

In Venetia MMXX © Artificioſa Rota - Efemeridi culturali

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • Grey Pinterest Icon
  • Grey Instagram Icona
  • LinkedIn Clean Grey
  • Grigio G + Icona
  • Grey YouTube Icona