A piedi nudi

di Paolo Veronese


A piedi nudi nell'erba cammino, affondo il peso del corpo e dei giorni dove silenzio e attesa hanno abitato

la casa. Qui respira il mondo infante negli orli dei narcisi, nel trapunto di viole e margherite di galassia

nell'odore di terra, di rugiada di sole che mi cuoce il cranio, d'ebbra febbrile meraviglia degli istanti.

Dove gli insetti muovono i segreti del tessuto e del seme di ogni morta cosa che torna e affiora, fa presente

l'immemorabile racconto, il corso di vite consumate, accartocciate pagine che nessun inchiostro asseta,

nessuna voce ripete, nessun confine e legge costringe e racchiude: ma la mente divarica e sparpaglia

nei sensi estesi, nell'estasi breve del tatto. I fili d'erba e le dita contratte a catturare l'equilibrio

povere e ignare protesi dell'esserci mentre precipito nel vasto verde della vertigine, la musa mistica

solleva ali inattese, segue le api entro il ronzio dorato, il peso giace inutile tra le formiche e i fiori

scritto sul manto della primavera confusa carne e coscienza indivisa che tutto ascolta, abbraccia, aspira, attende...


P.V. Equinozio di Primavera 2020



Camille Corot, Giardini di Villa d'Este a Tivoli


14 visualizzazioni

In Venetia MMXX © Artificioſa Rota - Efemeridi culturali

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • Grey Pinterest Icon
  • Grey Instagram Icona
  • LinkedIn Clean Grey
  • Grigio G + Icona
  • Grey YouTube Icona