Minnesang


di Paolo Veronese



Leggera s'agita fra fresche foglie

sillaba, quasi parola:


un uccellino? - tandaradei...


La nuova brezza coglie

voci di bosco, odori e incensi, e invola:


un fringuello? - tandaradei...


In aria spende la sua piuma lesta

ogni essenza, nel rio

gorgoglia chiaro il canto


un usignolo? - tandaradei...


Presso quel tiglio, sotto un polverio

di giallo oro, resta

l'alcova degli amanti;


un'allodola? - tandaradei...


Un giaciglio di rose e fieno secco

si son scelti. Non ridere!

vive la gioia, in fiore;


uno stornello? - tandaradei...


Chi ha il verso nel becco

cinta ha la fronte di alloro e di zagare

parla e canta l'amore:


un menestrello? - tandaradei...


16 visualizzazioni

In Venetia MMXX © Artificioſa Rota - Efemeridi culturali

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • Grey Pinterest Icon
  • Grey Instagram Icona
  • LinkedIn Clean Grey
  • Grigio G + Icona
  • Grey YouTube Icona